Pagine

giovedì 31 ottobre 2013

GINO PAOLI - Una lunga storia d'amore versione jazz live




Ora è già tardi,

ma è presto 

se tu te ne vai








E' MUSICA - L'immensità - Francesco Renga




Si, io lo so,

tutta la vita sempre solo non sarò

e un giorno troverò

un pò d'amore anche per me,

per me che sono nullità,

nell'immensità








INNAMORATEVI



INNAMORATEVI!!

Se non vi innamorate è tutto morto

vi dovete innamorare che diventa tutto vivo


si muove tutto..


DILAPIDATE LA GIOIA!!


INNAMORATEVI!!


Sperperate l'allegria


siate tristi e taciturni con esuberanza


Fate soffiare in faccia alla gente la felicità










COPIA E INCOLLA - Ora che lo hai detto




Adesso che lei era lì, dolcemente, felicemente nuda, stretta intorno a lui come a voler sottolineare una volta di più che era suo, adesso lui stava ripensando al modo strano in cui aveva avuto inizio tutta quella storia e alla sintonia che si era immediatamente creata tra di loro. 
Una magia, che si era scatenata immediatamente e che ancora non riusciva a spiegarsi con la ragione, ma che il suo cuore aveva saputo leggere sin dal primo istante, vivendola in maniera entusiasmante.


Come una luce intermittente, che di colpo si fa fissa e ti abbaglia fin dentro l'anima cambiando non solo i contorni, ma la sostanza stessa di tutte le tue convinzioni, così aveva vissuto l'attimo stesso in cui l'aveva vista per la prima volta. Ed era vero, nulla era più stato come prima, tutto si spegneva se pensava a lei e nulla era luminoso come il suo sorriso timido. 
Era il suo sole privato, non solo un volto ed un corpo, ma la donna che amava, come mai nessuna prima di allora e che lo ricambiava con la stessa intensità. Una lucida follia, che condividevano senza nessuna ossessione, ma convinti che fosse la strada da percorrere, per raggiungere la felicità.


Quante volte aveva letto di chimica della coppia e di affinità elettive? Quante volte aveva sentito parlare di due parti, della stessa mezza mela? Quelle frasi sceme che si trovano sui romanzi Harmony, letture buone per le ragazzine ai primi turbamenti ormonali e che anche lui aveva avuto tra le mani. Ecco, adesso sapeva che era tutto possibile, tutto reale, lui era il protagonista di una di quelle storie, ed era un libro che si stava scrivendo davanti ai suoi occhi.


Eppure nulla era stato facile nella loro unione, così come adesso poteva ricordare, perchè anche se tutti e due erano consapevoli da sempre che il loro destino era quello di trovarsi e di viversi, tra il primo bacio e quell'istante c'erano stati mille bla bla bla, mille paure, mille di tutto e di più, timori che avevano avuto la forza di rinviare quello che era certo sin dall'istante preciso della loro nascita.
Erano venuti al mondo l'uno per l'altra. 


Gli amori nascono all'improvviso, alcuni hanno bisogno di tempo per sbocciare, altri ancora maturano prima di concretizzarsi prendendo sostanza solo con la frequentazione, a loro era toccato il peggiore degli amori, il dover aspettare con pazienza, attendere la felicità per anni, per poi trovarsela di faccia e non capire più nulla, ubriachi di passione.


E adesso che avevano fatto l'amore per la prima volta e che i loro corpi gli avevano restituito delle emozioni così intense da far vibrare tutto ciò che li circondava, adesso era certo che era per davvero l'inizio di un percorso fatto di felicità e nient'alltro.


Sentiva il suo fiato riscaldargli il corpo, ed era sicuro che anche lei stava facendo le stesse considerazioni. Sapeva che stavano raccogliendo le forze, perché anche se appagati, avevano il bisogno fisico di donarsi di nuovo l'un l'altra. 
Non sesso, ma bisogno di amore.


E così, con le mani adagiate nel solco che segnava le sue natiche, con il desiderio che tornava a bruciargli ardentemente su per la gola, aveva sempre di più la certezza che quella donna era sua, che nulla al mondo glie l'avrebbe mai più portata via.
Cosa poteva avere più bisogno per dirsi felice? Cos'altro poteva chiedere di più alla vita, ormai aveva avuto tutto quello che un uomo può desiderare e anche qualcosa di più.


Di colpo però si bloccò, tutto si fece pesante, quasi terreo. C'era una frase della quale ormai tutti abusano, fino ad averla svuotata del suo vero significato, che ancora non aveva sentito pronunciare dalle sue labbra. 


Si era ritrovato derubato di tutta quella felicità, che sino ad un secondo prima credeva fosse impossibile da quantificare. Si sentiva come un bambino a cui hanno tolto i regali di natale da sotto al naso ed era quindi costretto a rompere quel silenzio, che adesso lo opprimeva.



"Sai, da quando siamo insieme, una cosa non me l'hai ancora detta"

"Si, lo so"

"Lo sai?"

"Si"


Adesso la paura si era trasformata di colpo in panico e il desiderio che aveva in gola divenne subito un amaro veleno.

Perché agiva in quel modo? Possibile che si fosse illuso e che nulla era come immaginava? Che quell'amore fosse un senso unico, che lo stava conducendo in un vicolo cieco?

Dovette andare avanti, provando lo stesso animo di un condannato a morte, che si avvia al patibolo.


"Perché'? Perché non lo hai detto mai?"

"Perché io non ti amo. Io sono.......... completamente pazza di te"




















GINO PAOLI - Il cielo in una stanza versione Jazz live




Io vedo il cielo sopra noi

che restiamo qui

abbandonati, 

come se non ci fosse niente più niente al mondo






PENSIERI SCIOLTI - 31 Ott 2013



La specificità di ogni sofferenza è insita nel fatto stesso che essa non è condivisibile e spesso nemmeno comprensibile da nessun altro essere umano e per questo è destinata a scavare solchi invalicabili di dolore e solitudine, tra di noi e il resto del mondo.



E' MUSICA - Il cielo in una stanza - Gino Paoli




Quando sei vicino a me

questo soffitto viola non esiste più

io vedo il cielo sopra noi










DOLORE


Mi ritrovo a fare cose strane, ad ascoltare canzoni, a scriverne frasi su facebook, come se fosse un diario qualsiasi, in pratica mi comporto come una di quelle ragazzine quindicenni che soffrono per il primo amore e invece sono un uomo con il triplo degli anni e che dovrebbe essere più maturo, raziocinante e in grado di comportarsi diversamente.

Ma esiste davvero un modo diverso di affrontare le cose, un modo diverso per ogni età, ed esperienza di vita o si può e si deve reagire a secondo del proprio stato d'animo, della propria sensibilità? Io me ne frego e vado avanti per la mia strada, senza crogiolarmi nel dolore, ma affrontandolo vivendolo tutto, perchè solo se ti fai mai, forse potresti riuscire a sviluppare gli anticorpi per non soffrire più.

Forse



mercoledì 30 ottobre 2013

LUCIO BATTISTI - Emozioni




Domandarsi perchè, 

quando cade la tristezza in fondo al cuore

come la neve non fa rumore







COPIA E INCOLLA - Se io fossi un mago








Se io fossi un mago e potessi esaudire tutti i miei desideri, il mondo sarebbe diverso......

PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO tutti i bambini sorriderebbero sempre e non esisterebbero più signori della guerra che li trasformano in soldati, mercanti di schiavi e nessun tipo di perversione che può arrecare loro ogni tipo di dolore. Ogni bambino al mondo sarebbe per sempre sereno e nessuno mai potrebbe turbare la sua infanzia;


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO farei prima di tutto ringiovanire Berlusconi, poi lo renderei irresistibile, ed infine lo farei diventare una donna con pochi scrupoli, senza però togliergli la memoria di ciò che vissuto, così solo per fargli capire cosa si prova a stare dall'altra parte del letto;


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO donerei un po' di senso della vergogna ai politici, perché l'onesta verrebbe rigettata automaticamente dal loro corpo, ed allora che almeno si vergognassero per quello che sono capaci di fare e soprattutto di non fare;


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO  regalerei un vero miracolo alla mia amata Juventus e farei in modo che passasse il turno contro il Bayern di Monaco, con una prestazione eccezionale di Buffon, capace di neutralizzare 3 rigori nei tempi regolamentari, il tutto per ricacciare in bocca a Beckenbauer quel pensionato che brucia a me, figuriamoci al mitico numero 1 bianconero;


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO farei in modo che gli anziani non debbano più soffrire per gli acciacchi della vecchiaia. Non trovo giusto, che chi ha fatto una vita di sacrifici, debba poi soffrirne ancor di più le conseguenze quando il suo fisico non è più in grado di difendersi;


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO come prima cosa regalerei a tutti il teletrasporto, per evitare incidenti, per evitare inutile inquinamento, per evitare il traffico, ma soprattutto per evitare alle persone lontane la sofferenza di non potersi incontrare;


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO eliminerei la violenza, il razzismo, la superbia e ogni forma di meschinità dal cuore degli uomini, anche perché non capisco cosa ci albergano a fare?


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO regalerei un cervello funzionate ad ogni essere umano, perché se è pur sempre vero che ogni calotta cranica risulta piena, qualcuno si dimentica di mettere in moto la materia grigia che ha avuto in dono e di conseguenza tanta gente spara caxxate, solo perché ha un encefalogramma, che a ben guardare è pur sempre piatto;


PERCHÉ SE IO FOSSI UN MAGO per me personalmente ho ancora un solo desiderio..........

















LE POESIE - Briciole d'amore - Il guardiano





Risuona nell'aria della musica che non sento,
mi parlo, ma non ho nessuna voglia di ascoltarmi,
tutto intorno e dentro di me è vuoto,
solitudine senza di te.


E pensare 
che vorrei colorare la notte con il tuo sorriso
e ritrovarti al mio fianco, 
ad ogni mio risveglio
così da essere certo che i miei sogni,
sono solo il prolungamento della felicità che mi regali.


E così
ritrovo le briciole di te, 
che ho disseminato in ogni mia poesia
e inseguo freneticamente queste labili traccie
nella speranza che mi conducano finalmente lì dove sei
per poterti fare mia almeno una volta,
la prima, 
per sempre.










E' MUSICA - Apriti cuore - Lucio Dalla





NON POSSO TAGLIARE IL TESTO DI QUESTA CANZONE,

E' TROPPO BELLA

E MI SENTO DI SOTTOSCRIVERLA TUTTA,

ANCHE PERCHE' MI SENTO COSI' IN TUTTO E PER TUTTO











martedì 29 ottobre 2013

LE POESIE - Oblio - Il custode





E' un giorno qualsiasi, ma il nulla mi costringe a se
e così vivo solo della speranza 
di avere un pò di spazio nel tuo cuore.


Sei sempre stata con me, ovunque io vada.
Non smesso di amarti mai,
ma  sii onesta
io sono ancora in te? 


Non lo sai, è un giorno triste,
forse  perché vorrei saperti ancora mia 
o solo perché mi manchi di più del solito,
di certo lo è perché non so se un tuo solo pensiero oggi mi ha sfiorato.


 E allora mi ritrovo a tentare di scacciarti dal mio cuore,
ma mi riesce impossibile, 
perché la verità è che ancora ti appartiene.



E allora dimmi
tu sei ancora un pò mia?
Hai per me anche un solo attimo, di tanto in tanto?


Oblio, questo è il nome che ormai mi hai dato,

 lo so,
ma in me ho ancora la speranza che un giorno,
forse per un solo attimo, 
tu ti ritroverai a ricordarti di me,
e allora, in quel minuscolo istante, 
un sorriso malinconico si impossesserà del tuo bel volto
solo questo mi tiene ancorato alla vita
e al pensiero di non averti amato invano.










PENSIERI SCIOLTI - 29 Ott 2013


La coerenza è il mio solo vizio a cui non intendo rinunciare



E' MUSICA - Se tu non torni - Miguel Bosè




Così stanotte voglio una stella a farmi compagnia 

che ti serva da lontano ad indicarti la via 


così amore amore amore, amore dove. sei? 


Se non torni non c'è vita nei giorni miei.









lunedì 28 ottobre 2013

E' MUSICA - Love is where you are - Diane Krall





L'amore è dove ti trovi tu

lì dove vorrei essere io








LUCIO BATTISTI - Aver paura d'innamorarsi troppo




Non farsi vivo e non telefonare

parlar di tutto, per non parlar d'amore

cercare di farsi un pò desiderare

è proprio un vero dolore.








E' MUSICA - Mentre dormi - Max Gazzè




Questa notte senza luna

adesso vola

tra coriandoli di cielo e manciata di spuma di mare








COPIO E INCOLLO - Indefinitamente


Prima di procedere alla lettura di quello che segue, dai un'occhiata al video che ho incluso in questo post, è l'essenza stessa di tutto quello che segue.








Lo so, non fa certamente onore agli anni che ho trascorso al buio in un cineforum parrocchiale in estasi davanti agli splendidi affreschi di kurosawa o alla trilogia dei colori di Kieślowski, avere tra i miei film preferiti questa mielosa e sin troppo scontata pellicola hollywoodiana. Probabilmente è anche la prova provata della mia mancanza di senso critico e/o di buon gusto cinefilo, ma sono pur sempre uno di quelli a cui è piaciuto Joan Lui di Celentano e quindi non si può certamente pretendere che sia un Mereghetti dei poveri.
Di certo qui l'analisi critica della pellicola non serve tanto, la trama è scontata e tutto il film è scritto semplicemente in funzione del finale.
Come direbbe Fantozzi " questo film è una ca..ta pazzesca" ma......

Ecco, c' è un ma che tiene insieme il discorso e da un senso a questa mia predilezione, la visione romantica che ho della vita, un insensato sentimentalismo che mi permea fin dentro le ossa. Perché vedi, io vivo nella pia illusione che davvero un giorno ci sarà una donna capace di pronunciare quel "indefinitamente" o peggio ancora "sono pazza di te", ma (e anche qui c'è un ma) non in una frase fine a se stessa bensì all'interno di quelle azioni spontanee, che si fanno perché sentite come necessarie, proprie, vitali.

Mentre scrivevo questo post ho visto, anzi ho vissuto, quello che mi proponevo di comunicarti, quel indefinitamente, ed ho provato un sano moto di invidia.

Infatti per lavoro ho dovuto effettuare un sopralluogo presso un'abitazione, dialogando con i padroni di casa, una coppia non più giovanissima, ho "rubato" loro un gesto di una dolcezza infinita. La padrona di casa, notando che il colletto della camicia del marito era in disordine, con un movimento spontaneo si è avvicinata e lo ha delicatamente messo al suo posto. Il marito, senza dare nell'occhio, le ha leggermente accarezzato la mano per ringraziarla, senza dare a vedere. Un gesto impercettibile, quasi del tutto invisibile, ma che io ho colto ed invidiato.

Quelli per me sono indefinitamente e sono pazzo di te, quello è l'amore come lo intendo io, quello vale il costo del biglietto su questa terra o anche più semplicemente per uno spettacolo al cinema, pur sapendo che li ti emozionerai solo per una pellicola di celluloide, ma illudendomi che è in essa che troverò la forza per continuare a sognare.




LE CITAZIONI - Lucio Battisti



Non farsi vivo e non telefonare. Parlar di tutto, per non parlar d'amore e cercare di farsi un pò desiderare, è proprio un vero dolore.


NEANCHE UN MINUTO DI NON AMORE - Lucio Battisti




Questo è tutto?

Volevi star con me






PENSIERI SCIOLTI - 28 Ott 2013



Chissà se è più grave volere troppo o non aver più nessun desiderio


LE FOTOGRAFIE - Bicolore


Splendido abbinamento cromatico, ma d'altronde la natura è maestra in ciò.


sabato 26 ottobre 2013

E' MUSICA - No more lonely nights - Paul McCartney




E non andrò via finché non me lo dirai

No

Non andrò mai via







LE FOTOGRAFIE - Profilo



Lasciamo che questa dolce notte si appoggi lungo il profilo di questa collina, così come fanno i baci di un uomo innamorato, che si adagiano languidi lungo il corpo sinuoso della propria amata











DOPO



E poi dopo?

Si dopo, un dopo qualunque, perchè nella vita qualunque esperienza che viviamo, ogni azione che facciamo o non facciamo ha un dopo, ecco, dopo come ci si comporta, a cosa andiamo incontro, a quali reazioni e/o sentimenti saremo per sempre legati? Ve lo siete mai chiesti a priori "e dopo cosa succederà?"

E' una domanda terribile, credo che solo i giocatori di scacchi siano in grado di prevedere un certo numero di mosse e le loro possibili varianti tenendo conto di tutte le reazioni dei propri avversari, ma gli esseri umani normali, come me per intenderci, quelli che il dopo lo vivono mentre succede e non lo affrontano a priori, si chiedono sempre a cosa servirebbe sapere prima ogni possibile reazione, se non a rovinarsi l'esistenza.

Infatti a cosa servirebbe anzi no immaginare, perché il bello della vita è proprio nell'imperscrutabilità del nostro futuro, ecco mi chiedevo a cosa ci può essere utile conoscere in anticipo e quindi programmare per filo e per segno cosa ci succederà se faremo una determinata scelta? Forse soltanto a non farla, però poi la nostra esistenza in quel caso sarebbe una sequenza di eventi piatti e noiosi, una sfilza concatenata di situazioni già programmate, vissute soltanto per soffrire il meno possibile.

Io credo che nella nostra vita, di tanto in tanto ci serva il coraggio, l'audacia e la voglia di sparigliare le carte per inventarsi un nuovo futuro, dare un senso a quel libero arbitrio che Dio, Budda, Maometto o come diamine volete chiamarlo, ecco che un essere superiore ci ha regalato e anche se non è detto che ci andrà bene, che potrebbe essere semplicemente l'inizio della fine, diamine quello solo sarebbe la diretta conseguenza di qualcosa che si è voluto e amato fare e non un momento di nebbia in un percorso piatto che avevamo preventivato di fare.

Io il mio dopo amo prenderlo così come viene, perchè solo così riesco a sentirmi vivo...












venerdì 25 ottobre 2013

E' MUSICA - Against all odds - Phil Collins




...








USO PRIVATO DI PUBBLICO BLOG



Mi concedo una piccola deroga e faccio qualcosa di inusuale, degli auguri. 

Si festeggia oggi un compleanno e non mi sarei sentito in pace con me stesso  per il resto dei miei giorni se avessi omesso di proposito gli auguri, avrei vissuto con il rimorso, perchè l'azione sarebbe stata squallida, cattiva e così non poteva essere, così non è stato.

Questi pochi righi sono qui a significare che non mi sono dimenticato, che quando a una persona ci tieni, anche se non la si sente per lunghi mesi, hai sempre presente ciò a cui lei da importanza e quindi D. questo spazio è per te, perchè quest'anno nuovo compleanno sia semplicemente il primo giorno di un anno stupendo, pieno delle gioie e delle soddisfazioni che nell'ultimo non ha potuto godere fino in fondo.

Che questa tua nuova avventura che inizia oggi, sia semplicemente stupenda.

M.

COPIO E INCOLLO - Tu il solo amore mio



Prima di iniziare a leggere il post di oggi, devo due necessarie prefazioni:

La prima è che questo scarabocchio è nato sulla base della sinfonia che trovate in fondo alla pagina. Sarebbe per me cosa gradita se la faceste partire con il volume basso e vi cullasse durante la lettura, perchè solo così potrete godere appieno della mia ispirazione;

Quella che segue è una dichiarazione d'amore figlia di un desiderio che mi brucia dentro da un pò, la necessità di mettere nero su bianco tutto ciò;

Spero vi piaccia, così quanto è piaciuto a me scriverla.



Ho pensato per giorni a questo momento, a cosa dirti e adesso che ti ho qui davanti a me, le parole che credevo necessarie sono di colpo svanite, perchè mi sono perso nel tuo respiro, mi hai confuso semplicemente guardandomi negli occhi, ed ho chiara in questo momento una sola cosa, che devo essere totalmente pazzo per cercare il coraggio per andare avanti.

Però, da quando sei entrata a far parte dei miei giorni, da quando il mio tempo si svolge cadenzato dalle tue dolcissime incursioni, ho preso coscienza che il mio destino sei semplicemente tu e ora non saprei più come tornare indietro e vivere, immaginare, sognare un solo istante senza di te.

Ma vorrei che tu capissi che non è solo la tua presenza quella che voglio, io desidero che tu sia la protagonista assoluta e indiscussa del mio sogno d'amore, colei che è in grado di percepire tutti i battiti del mio cuore, la donna sulla quale potrò contare quando ci saranno dei momenti felice di cui gioire e quella pronta a consolarmi di fronte alle avversità della vita.
Io voglio che tu ci sia sempre e per sempre.

Perchè la verità è che io ti amo, come mai ho amato nessuna donna prima d'ora  e come mai riuscirò a fare in un qualsiasi altro futuro, perchè nessun'altra riuscirà ad emozionarmi, come ci riesci tu e voglio che tu sappia che a nessun'altra donerò mai più il mio cuore con la stessa intensità. 
Ti amo e desidero, anzi no pretendo che tu d'ora in poi sia l'unica costante certa sulla quale poter edificare le basi di ogni mio possibile orizzonte, quello sul quale spero di veder sorgere ogni giorno il tuo sorriso luminoso.

Ecco, ora che le parole hanno preso la forza e l'impeto del mio sentimento, adesso che tutto sgorga e corre come un fiume in piena verso di te, io non ti chiedo di abbandonarti ad esse e decidere sulla base della loro bellezza, io voglio che tu percepisca la sostanza stessa di cui sono fatte, il sentimento che mi anima adesso e che mi porta a chiederti di non uccidere tutto ciò, perchè ho l'intenzione di stupirti, sorprenderti o anche solo cullarti ogni giorno di più, con quello l'amore che ti porto.

E adesso che potrei anche prometterti la luna, ora che nulla mi è precluso perchè ci sei tu a darmi la forza per osare nella realizzazione dell'impossibile, l'unico regalo che mi sento di prometterti, se lo vorrai, è il mio cuore, perchè non conosco nessun'altro posto al mondo dove vorrei saperlo battere, se non nel tuo petto.

E ora ti sembrerà strano, ma non so come concludere questa mia dichiarazione, perchè se è stato complicato trovare il modo di iniziare a parlarti del mio amore vero per te, è certamente altrettanto difficile essere sicuri che poche, semplici parole, hanno racchiuso l'enormità di quello che sento senza banalizzarlo, ma è giusto che io ti dia il tempo di riflettere, di capire, di decidere, non senza chiederti però un bacio, se decidessi di suggellare il nostro amore, con un si e in quel momento saprò, di essere sulle soglie della felicità.

Per sempre tuo M.



Non crediate adesso, che se in futuro mi troverò a porgere il mio cuore ad una donna, una sola di queste parole sarà usata. Questo è stato il modo di dichiararmi che ho immaginato questa mattina, ma al momento opportuno, mano nella mano, tutto sarà diverso e sicuramente molto più intenso ed appassionato.

















E' MUSICA - Magari - Renato Zero



Magari...








LE POESIE - Oltre i confini - Il guardiano del faro



Ho sepolto, 

oltre i confini del mondo, 

il mio amore per te.



Non avrai bisogno guadare dei fiumi,

 di scalare delle montagne

o di attraversare i deserti 

per poterlo trovare.



Ti basterà semplicemente volerlo

e come per magia

un universo di passione

si aprirà sotto i tuoi piedi.











E' MUSICA - Ti dedico tutto - Biagio Antonacci




Io ti ascolto sognare

io sono nel sogno

ed è per questo che adesso ti dedico tutto.










giovedì 24 ottobre 2013

DallAmeriCaruso



  1. Caruso 
  2. Balla balla ballerino 
  3. La sera dei miracoli
  4. Viaggi organizzati 
  5. Anna e Marco
  6. Tutta la vita
  7. Se io fossi un angelo
  8. Cara
  9. Grande figlio di puttana 
  10. L'ultima luna 
  11. Washington
  12. 4/3/1943
  13. Futura 
  14. Stella di mare 
  15. L'anno che verrà 

N. B. I brani in nero non sono presenti nella versione che segue, perchè incise su LP e musicassette, ma non sul CD, da cui sono tratte le tracce che seguono







E' MUSICA - Se tu fossi qui - Pino Daniele




A volte basta una parola

per stare bene a metà

tra l'emozione e la paura

di amarsi in questa etenità








COPIO E INCOLLO - Mi piaci







Mi piaci quando sei allegra e mi piaci quando sei seria.

.Mi piaci quando ci sei e mi piaci quando scompari.
Mi piaci quando torni nei pensieri e mi piaci quando non te ne vai via.

Mi piace la tua voce e mi piace il tuo silenzio.

Mi piace la tua intelligenza e mi piace il tuo corpo.
Mi piace quel tuo modo di parlare con tutti e mi piaci quando sei solo mia.

Mi piace sapere che ci sei, anche quando non mi vuoi con te.
Mi piace amarti e mi piace quando ti decidi ad amarmi.

Mi piace ogni tuo sorriso.

Mi piaci e mi piace.
Mi piaci e non voglio farci niente.

Mi piaci tu, solo tu, soltanto tu.
E non dimenticarlo mai, tu mi piacerai per sempre.





BUONANOTTE ANIMA MIA, ADESSO SPENGO LA LUCE E COSI' SIA



Questo è un altro di quei post solo miei, che rimarrà confinato tra le mura di questo blog e non vedrà mai la luce di un Social Network, sarebbe un sacrilegio, io lo ritengo tale, ma ho talmente voglia di scriverlo che non riuscirei a frenarmi nemmeno volendo.

Lucio è tornato a casa, nella sua Bologna, adesso riposa affianco ai genitori e forse è anche un pò più sereno. Sulla sua tomba si staglia una sua immagine stilizzata, la stessa che campeggia sulla copertina di DallAmeriCaruso, che era aperto dalla quella che poi divenne sua canzone più famosa, l'unica inedita di tutto quel LP, mentre il resto del disco era la registrazione di un concerto tenuto a New York, se non vado errato. 

L'anno, ne sono certo, era il 1986 e non ho bisogno di verificare, sin troppe cose lo legano a me e ho ancora distintamente impresso sulla mia anima l'emozione che mi regalò l'ascolto che feci di quelle due cassette rosse con il mio Walkman Sony, le sue cuffie enormi e arancioni e quella meraviglia che risuonava infinita.

Sulla lapide di Lucio solo alcune parole, quelle di un addio, che come ho scritto nel passato, è a mio avviso il modo più bello e struggente che due persone hanno per lasciarsi, così come lui ha lasciato questo mondo. Io di seguito mi regalo la versione di quella canzone tratta da quello stesso album, brano che non sono mai riuscito a passare tramite whatsapp o altro, perché la versione che avevo era troppo grande, ma che mi sarebbe sempre piaciuta condividere, perchè è la più bella in assoluto che sia mai stata incisa.



Buonanotte anima mia

adesso spengo la luce

e così sia





















E' MUSICA - Non smetto di aspettarti - Fabio Concato




Ti immagino e Ti canto 

e così 


mi pare che ci sei 


e se non posso amare così tanto 


e farmi amare 


a cosa servirei. 







LE CITAZIONI - Lucio Dalla

Ma l'impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale...

APPUNTI IN AMORE

Sono certo di essere vivo, ogni volta  che ti ritrovo in un mio pensiero.

mercoledì 23 ottobre 2013

APPUNTI IN AMORE


Sei il solo futuro che desidero e che vorrò per me, anche quando non avrò più futuro


E' MUSICA - Gli angeli - Vasco Rossi




Quando ormai si vola

non si può cadere più...









LE POESIE - Patto d'amore - Il guardiano del faro




Stranieri al resto del mondo,
ci siamo amati in questo nostro azzurro nascondiglio,
estranei ad ogni umano pudore.


E adesso,
mentre sei dolcemente addormentata al mio fianco,
leggiadra, come sospesa in una bolla di sapone,
osservo la tua schiena nuda
e sento forte il desiderio di scrivere su di essa
la più dolce di ogni poesia.


Sfioro delicatamente la tua pelle,
mentre il cuore mi sobbalza nel petto
sussurrandomi frasi sconnesse e prepotenti,
che scorrono impetuose dentro di me
come un fiume in piena,
che nulla riesce ad arginare.


Sei dentro ogni mio desiderio
da quando mi hai sussurrato amore
e un'ondata di sole,
ha squarciato il buio che incupiva la mia anima.


Adesso so finalmente che ci sarai 
oltre le barriere del tempo,
infinitamente,
perdutamente insieme.


Con naturale grazia ti giri,
mi guardi,
sorridi
e stringendomi a te
suggelli con le tue labbra il nostro patto d'amore.







martedì 22 ottobre 2013

E' MUSICA - Moonlight - Yiruma


Quando gli artisti nascondono una canzone nel loro CD la chiamano ghost truck, ecco, questa è la mia traccia fantasma per tutti voi che seguite questo blog, curiosando su di esso e non aspettando che io vi rilanci qua e la il link.

In pratica questa luna piena è per me e un paio di persone ancora, che non si fermano alle apparenze e sanno apprezzare tutto di questo blog e di me.










COPIO E INCOLLO - Mi piace






Mi piace il sole in primavera;
Mi piace la prima pioggia d'autunno;
Mi piace la luna piena in una sera d'estate;
Mi piace la luna piena;
Mi piace ascoltare la musica, sempre, ovunque (la mia auto non parte se lo stereo non è acceso);
Mi piace il Lucio Dalla degli anni 80, l' Eros Ramazzotti degli anni 90, il Tiziano Ferro del 2000, il Vasco Rossi di sempre;
Mi piace il mare di giorno;
Mi piace il mare di notte;
Mi piace il mare;
Mi piace ascoltare il mare le onde del mare;
Mi piace fare l'amore al mare di notte;
Mi piace perdermi nei preliminari;
Mi piace baciare e essere baciato;
Mi piace fare l'amore;
Mi piace fare e rifare l'amore;
Mi piace fare l'amore fin quando fa male, fin quando ce n'è (Ligabue docet);
Mi piace coccolare e farmi coccolare dopo aver fatto l'amore;
Mi piace la costiera Cilentana;
Mi piace la costiera amalfitana;
Mi piace Salerno;
Mi piace il wrestling;
Mi piace giocare;
Mi piace il sudoku;
Mi piace tutto ciò che è gioco;
Mi piace il teatro;
Mi piace la Tv;
Mi piace vedere un film in tv (senza pubblicità);
Mi piace vedere un film al cinema;
Mi piace un bel film;
Mi piace C'é posta per te (il film);
Mi piace Notthing Hill;
Mi piace L'ultimo samurai, mi ha regalato il 15 agosto del 2008 una delle più belle citazioni della mia vita;
Mi piacciono i film che raccontano una storia;
Mi piace leggere;
Mi piace leggere un libro;
Mi piace leggere un giornale;
Mi piace leggere le cose che mi fanno riflettere;
Mi piace scrivere;
Mi piace scrivere su questo blog;
Mi piace quando suscito un emozione con i miei scarabocchi;
Mi piace apparecchiare la tavola, secondo le regole del bon ton, con un tocco di romanticismo;
Mi piace mangiare;
Mi piace il buon vino;
Mi piace la carne;
Mi piace il pesce;
Mi piace la frutta, il dolce, l'amaro e tutto ciò che è cibo;
Mi piace il dolce
Mi piace il caffè del Guardiano;
Mi piace cantare (da solo, sono stonato);
Mi piace parlare;
Mi piace ascoltare le persone;
Mi piace dialogare con le persone;
Mi piace dialogare con chi ha intelligenza da vendere;
Mi piace il mio lavoro;
Mi piace quando ricevo dei complimenti inerenti al mio lavoro;
Mi piace la stima delle persone;
Mi piace un sorriso gratis;
Mi piace fotografare;
Mi piace da morire una foto che ho ricevuto ieri, eccezionale;
Mi piace l'amicizia;
Mi piace essere padre;
Mi piace lo sport in generale;
Mi piace il calcio;
Mi piace la Juventus, anche quando perde;
Mi piace la nazionale campione del mondo 1982 (Zoff, Gentile; Cabrini, Oriali, Collovati, Scirea, Conti, Tardelli, Rossi, Antognoni, Graziani);
Mi piace ricordare la partita Italia vs Brasile 1982 e Zoff che blocca un colpo di testa sulla linea a un minuto dalla fine;
Mi piace ricordare i grandi campioni che ho visto giocare, Maradona, Van Basten, Scirea, Di Bartolomei (grandissimo uomo) Platini, Baggio e cavolo tutti quelli in grado di regalare emozioni con una palla tra i piedi;
Mi piace il mio computer;
Mi piace internet;
Mi piace il messenger di yahoo e quello di MSN;
Mi piace il biliardo di yahoo;
Mi piace il mio blog, riesco ad esprimermi compiutamente;
Mi piace l'intimo femminile;
Mi piace ogni cosa sia legata alle donne;
Mi piace la donna, come essere, in tutto il suo essere;
Mi piace tutto ciò che è bello;
Mi piace tutto della donna che amerò per sempre, anche la sua non presenza;

Mi dispiace solo dover smettere di scrivere questo post.



P. S.:  Rispetto alla versione originale, ho dovuto apportare piccole, ma necessarie modifiche. Il tempo passa e qualcosa cambia nel rapporto tra le persone, alcuni muoiono, altri nascono per vivere in eterno...








EMOZIONATO



Il titolo descrive molto semplicemente, ma anche in maniera più che esaustiva, quello che è il mio stato d'animo. 

Mi ripeto per l'ennesima volta, quando scrivo non lo faccio in funzione di ciò che potrà suscitare un mio pensiero, è solo un modo molto semplice che ho per dare forma e sostanza ad un mio stato d'animo e seppure dovrei essere abituato ai complimenti che un mio post riesce a regalarmi (il mio blog precedente mi ha dato davvero tantissime gioie), ogni qualvolta un nuovo amico si approccia a me e mi fa dei complimenti, io mi sento sempre e comunque inadeguato. 
Quando poi la cosa va oltre al singolo scambio di opinioni e diventa più interessante, riesco cioè a stringere delle amicizie, a creare dei rapporti, insomma noto che c'è un interesse non banale intorno a ciò che nasce dentro di me, allora tutto si fa felicità.

Era da un pò che non provavo questo tipo di esperienza. 
Questo spazio è nato da pochissimo, non lo pubblicizzo volutamente e non ho cercato nessun richiamo o legame con il passato, è stato volutamente all'inizio un luogo di raduno per pochi intimi amici. Però poco alla volta le visite quotidiane aumentano, i retweet e le condivisioni pure e la cerchia si allarga pian piano.

Così ieri un nuovo amico è arrivato sino a me, tramite una conoscenza comune e mi ha regalato, dopo aver letto la poesia IO VIVO COME TE, la traduzione della stessa in russo. 
Negli anni tante cose sono successe grazie ai miei spazi, ma qualcosa di simile mai e ovviamente, io che sono un sentimentale facilmente emozionabile, mi sono lasciato percorre dalla gioia del momento e me la sto godendo sino in fondo, perché per me questo è un grandissimo riconoscimento, aver colpito così tanto l'animo di una persona, a tal punto che essa si è presa la briga di lavorare su un mio scarabocchio, è qualcosa che trovo semplicemente immenso.

Quindi un grazie di vero cuore a a (questo il suo nickname su twitter) per questo momento di immenso piacere. 
Te ne sarò per sempre grato.













E' MUSICA - L'arcobaleno - Adriano Celentano




e parlo come le foglie d'aprile

e vivrò dentro ad ogni voce sincera

e con gli uccelli vivo il canto sottile

e il mio discorso più bello e più denso

esprime con il silenzio il suo senso







E' MUSICA - Dicitancello vuje - Massimo Ranieri e Noah



Te voglie bene

te voglie bene assaje

si tu chest'a caten 

ca nun se spezz maje






Versione immensa, grazie a Nunù che me l'ha segnalata





LE POESIE - I tuoi occhi - Nazim Hikmet



I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che tu venga all’ospedale o in prigione
nei tuoi occhi porti sempre il sole.


I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

questa fine di maggio, dalle parti d’Antalya,
sono cosi, le spighe, di primo mattino;


i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

quante volte hanno pianto davanti a me
son rimasti tutti nudi, i tuoi occhi,
nudi e immensi come gli occhi di un bimbo
ma non un giorno han perso il loro sole;

i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi
che s’illanguidiscano un poco, i tuoi occhi
gioiosi, immensamente intelligenti, perfetti:
allora saprò far echeggiare il mondo
del mio amore.



I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

Così sono d’autunno i castagneti di Bursa
le foglie dopo la pioggia
e in ogni stagione e ad ogni ora, Istanbul.



I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

verrà giorno, mia rosa, verrà giorno
che gli uomini si guarderanno l’un l’altro
fraternamente
con i tuoi occhi, amor mio,
si guarderanno con i tuoi occhi.









lunedì 21 ottobre 2013